Mailing List

iscriviti cancellati

Febbraio 2019
D L M M G V S
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 1 2

Contatti

Chi è online

 68 visitatori online

Il motore del V7

Indice
Il motore del V7
Il motore del V7 - Parte 2
Tutte le pagine

 

(tratto da Legend Bike, anno 7 numero 70, e da Motociclismo d'epoca, anno 9 numero 10)

 

La nascita del motore V7.

 

Nel 1957 la Guzzi abbandona il mondo delle corse, decisione presa di comune accordo con Gilera e Mondial. A seguito di questa risoluzione i valenti tecnici Carcano Cantoni e Todero in forze alla Guzzi, che fino ad allora si erano occupati del settoremotore-V7 corse, si devono ritagliare una nuova area di sviluppo. In questo frangente vengono fatti due studi, uno riguarda un motore destinato ad equipaggiare il"mulo meccanico 3x3" un veicolo militare, l'altro interessa un motore da montare sulla Fiat 500 in sostituzione dell'originale bicilindrico parallelo.
Precedentemente era già stato fatto uno studio per il motore del 3x3 dal progettista Antonio Micucci nel 1951, i disegni mostrano un motore a V frontale di cilindrata 697cc. Questo progetto rimarrà tale e non avrà nessun seguito.

 

 

Il motore del "Mulo meccanico 3x3".

 

motore-mulo1Questo veicolo è un motocarro studiato per impieghi militari (il motocarro è un mezzo a tre ruote la cui parte anteriore è derivata da una motocicletta mentre il posteriore prevede un vano atto al carico merci). Una delle particolarità del Mulo meccanico studiato dalla Guzzi è l'avere la trazione su tutte e tre le ruote, anche quella anteriore. Questo permette di avere un'ottima motricità su fondi di qualunque tipo, per l'appunto impieghi di tipo militare.

 

Il progetto del motore per il 3x3 è sostanzialmente diverso dal precedente studio di Micucci anche se lo schema è grossomodo simile.
Il nuovo motore ha cilindrata di 750 cc, il carter motore costruito in un sol pezzo all'interno del quale viene inserito l'albero motore attraverso un foro di grande diametro. Il foro viene poi chiuso da una flangia che alloggia una delle bronzine di banco. La distribuzione è ad aste e bilancieri e si avvale di due alberi a camme laterali posti ai lati esterni del motore, i quali azionano valvole parallele tra di loro ed inclinate di 12° rispetto l'asse del cilindro. Il raffreddamento è ad aria con ventilazione forzata: una grossa ventola è montata sull'albero motore mentre tutto il blocco moto zre è racchiuso da convogliatori in lamiera.

motore-mulo2pic  motore-mulo3pic motore-mulo4pic

L'accensione a spinterogeno, il carburatore Weber e l'avviamento elettrico denotano un impostazione di tipo automobilistico. La lubrificazione è a carter secco con serbatoio dell'olio separato, un pozzetto di pescaggio è posto sotto l'albero motore ed una doppia pompa (una di mandata ed una di recupero), soluzione è obbligata dalle forti pendenze alle quali avrebbe potuto marciare il veicolo.

A causa dell'impiego gravoso del mezzo si decide di mantenere un regime di rotazione contenuto ed un basso rapporto di compressione (6,5:1), la potenza che ne risulta è di 20 cv a 4000 giri/min e la coppia è di 36 Nm a 2400 giri/min. Di questo veicolo ne saranno costruiti solo 200 pezzi, poi la produzione cesserà a causa dell'eccessiva difficoltà nel gestire il mezzo.

 

 

Il motore della Fiat 500.

 

motore-fiat500picPer questo utilizzo il motore a V viene sviluppato in modo diverso. L'obiettivo è quello di realizzare un motore brillante che la Fiat avrebbe dovuto montare su una versione sportiva della 500 sempre con la stessa cilindrata, per cui erano necessarie doti di leggerezza e buone prestazioni. Tutto il gruppo motore-cambio viene realizzato in lega leggera, i cilindri hanno un riporto cromato per allungarne la vita, la testa è di forma emisferica con valvole di diametro maggiorato (30mm l'aspirazione, 27mm lo scarico), mentre l'albero a camme (che diventa uno solo) viene posto al centro della V. Il carter rimane monolitico con una grande flangia smontabile per l'introduzione dell'albero motore, anche quest'utimo costruito in un sol pezzo, la stessa flangia alloggia una bronzina di banco. L'alimentazione è affidata ad un Weber doppio corpo 34 DCS, la lubrificazione si avvale di olio raccolto nella coppa e di una sola pompa di mandata, il raffreddamento rimane ad aria forzata con ventola montata sull'albero motore.

Le prestazioni risultano buone: la potenza erogata è di 27 CV a 6000 giri/min ed è superiore del 50% rispetto al motore Fiat, anche la coppia è buona: 32 Nm a 4000 giri/min. La prima unità viene montata su una 500 del 1961 e viene provata a lungo a Mandello.
Nel frattempo anche Carlo Abarth (famoso preparatore di motori) si interessa a questa fornitura e sviluppa il suo progetto: il modello 595 su telaio Fiat 500.
In risposta ad Abarth anche Guzzi porta la cilindrata a 594cc, la potenza sale a 32 CV sempre a 6000 giri/min e la coppia a 44 Nm a 4000 giri/min. Vengono aggiunti anche un radiatore dell'olio e prese di aria calda per il riscaldamento dell'abitacolo. Il motore viene montato su una 500 D e la velocità raggiunta dal mezzo è di 130 Km/h, un risultato superiore alle stesse aspettative dei progettisti.
Enrico Parodi, amministratore delegato della Guzzi, consegna ufficialmente la vettura alla Fiat affinché la testassero. Il prototipo tornerà dopo tre mesi accompagnato da una lettera di elogio per le prestazioni ma nessun cenno alla possibilità di eventuali successive forniture.
Probabilmente gli elementi penalizzanti sono stati un'eccessiva rumorosità del motore, il sottodimensionamento di giunti e semiassi inizialmente calcolati per trasmettere una potenza pari alla metà di quella sviluppata a fine progetto e, non ultima, la possibilità di accordi già in atto tra Fiat e Abarth. E' comunque grazie a questo rifiuto che si decide di destinare questo propulsore ad un impiego motociclistico.

 

 


 

 

Il motore a V sale in moto.

 

Come spesso succedeva a quei tempi in Guzzi prima di decidere la produzione di un nuovo modello si valutava se i corpi dell'Esercito o delle Forze dell'Ordine fossero interessati ad una fornitura, l'eventuale produzione per questi corpi avrebbe permesso di ridurre le incidenze degli investimenti necessari alla produzione. Nel 1963 viene presentata al ministero dell'Interno la proposta di una nuova moto per equipaggiare la Polizia di Stato che al momento utilizzava ancora i vecchi Falcone.
La proposta è accompagnata da un progetto che descrive la motocicletta in ogni sua parte. Nel progetto vengono rimossi i particolari attinenti l'impiego automobilistico: viene eliminata la pompa della benzina ed il raffreddamento forzato con ventola. Inoltre il carburatore Weber è sostituito da due Dell'Orto VHB29 e la dinamo viene posta al centro della V, sopra l'albero a camme. Per l'impiego motociclistico il motore diventa superquadro: corsa di 70mm e alesaggio di 80mm, ottenendo così una cilindrata totale di 703 cc. Aumentando l'alesaggio c'è la possibilità di montare valvole di diametro maggiore: aspirazione di 38,5mm e scarico di 34,5mm.

motore-V71pic  motore-V72pic  motore-V73pic  motore-V74pic 

Il cambio viene completamente riprogettato, la trasmissione finale è a unico giunto cardanico contenuto nel forcellone e quest'ultimo è flangiato direttamente alla scatola della coppia conica. Il telaio è a doppia culla chiusa, la forcella anteriore è teleidraulica, le sospensioni posteriori sono a doppio ammortizzatore. Le ruote prevedono il montaggio di pneumatici da 18" mentre i freni sono a tamburo di diametro 225mm, l'anteriore a doppia camma ed il posteriore a camma semplice.
In sede di progetto viene calcolata una potenza di 35 CV a 6000 giri/min per la versione destinata alla Polizia Italiana, con un rapporto di compressione di 7,5:1 (necessario con l'impiego di carburanti a 84/88 ottani in uso a questi corpi), questo progetto viene proposto anche al Corpo dei Carabinieri che desiderava un modello speciale per i Corazzieri.
Mike Berliner, l'importatore Ducati per gli USA, si interessa al nuovo progetto e chiede una variante del motore che bruci le benzine a 98 ottani impiegate negli States, per quest'ultimo si prevede una potenza di 42 CV a 6200 giri/min.
All'inizio del 1964 vengono costruite e consegnate due moto in prova alla Polizia Italiana, ritorneranno a Mandello dopo avere precorso 31.000 km ciascuna senza presentare problemi rilevanti. Altre macchine vengono consegnate alla Marina ed alla Guardia di Finanza, in tutti questi motori la compressione è portata a 9:1 e la potenza a 59 CV SAE, in modo che i test risultino essere più severi.

 

La V7 contro tutti. (Intervista a Umberto Todero)

 

Come appena accennato vennero consegnate alcune moto alla Scuola di Polizia di Roma affinché fossero testate Le prove vennero eseguite comparativamente con altre moto prodotte in quel periodo da costruttori italiani e stranieri: la Benelli 650, la Ducati 750, l' MV 4 cilindri 600, le Gilera 500 e le BMW boxer.
I test furono svolti sia su strada che in officina. I primi in una vasta pineta nei pressi di Fiumicino: dopo avere chiuso le strade tutte le moto subirono test di velocità, ripresa ed accelerazione, maneggevolezza, rumorosità e consumo. Già da questi primi contatti uscimmo vincenti ma ciò che fece pendere l'ago della bilancia decisamente a nostro favore furono i test d'officina. In pratica ogni giorno, per diversi giorni, le moto venivano portate nell'officina riparazioni della Scuola di Polizia di Roma, qui si verificava l'accessibilità meccanica in termini di facilità e rapidità d'intervento. Per esempio un giorno si registravano le valvole: nel nostro caso, grazie alle teste ben esposte con i coperchi fissati da poche viti l'operazione richiedeva pochi minuti mentre per la MV bisognava smontare il motore! Un'altra volta erano di turno le puntine dell'accensione. Anche qui con la nostra moto nessun problema perché lo spinterogeno sporge dietro al cilindro destro ed è inclinato di 45° ed il coperchio si smonta in un secondo, e potrei citare ancora la facilità di intervento sul motorino d'avviamento, fissato solo a due bulloni, sull'indotto e sulla regolazione della dinamo, sul cambio che si stacca dal motore ed infine sulla regolazione della catena…che noi non avevamo! Questo perché la V7 era nata con l'intendimento di soddisfare le richieste dei militari, e non era una moto civile adattata. Oltre tutto noi portammo due esemplari completamente attrezzati di carenatura protettiva, radio, sirena e lampeggiante. Proprio per alimentare in ogni momento senza problemi questi accessori elettrici che non compaiono normalmente, e che assorbono molto - la sola radio a quei tempi mangiava 2,5 Ah, la nostra bicilindrica aveva una potentissima dinamo da 300 W e l'impianto elettrico da 12V. Soprattutto la dinamo forniva una potente carica già a bassissimo numero di giri, cos'ì il guidatore non doveva preoccuparsi di restare con la batteria a terra quando per esigenze di servizio avesse dovuto usare molto la radio o gli altri accessori elettrici senza poter percorrere tanta strada ad andatura spedita per far girare la dinamo e quindi ricaricare la batteria. Nel progetto si cercò di ottenere sia una buona potenza quanto la coppia massima a basso numero di giri. Ormai il tempo degli inseguimenti era finito per la Polizia. Finiti i tempi in cui la Guzzi li riforniva di Condor e di Falcone Sport: proprio la radio e le mutate condizioni del traffico le rendevano superflui. Ma la Polizia non si è accontentata di questi test. Ha voluto due prototipi da usare per la scorta al Giro d'Italia e per affidarli a diversi agenti, così da vederne la resistenza. Dopo 31.000 Km ce le hanno restituite senza aver fatto la minima manutenzione. Allo smontaggio i motori delle due moto, che avevano sempre funzionato bene, si presentano in perfette condizioni, decretando l'approvazione definitiva e la firma sul contratto di fornitura della nostra biclindrica.

 

 

Da moto militare a moto civile.

 

Una volta definito il contratto per le forniture militari si procede col preparare alcune moto per uso civile. Viene presentata una prima versione destinata alla vendita del pubblico al Salone del Ciclo e Motociclo di Milano del 1965 e si decide la costruzione di una serie pilota di 300 esemplari. Saranno pronti dopo due anni e verranno messi in vendita al prezzo di 725.000 lire. I dati di omologazione ridimensionano al loro giusto livello potenza e prestazioni. I 50 CV SAE pubblicizzati diventano 40 secondo le norme CUNA che esigono la prova del motore completo di silenziatori e di filtro aria e non consentono durante la prova gli aggiustamenti permessi dalle norme SAE. La velocità massima controllata effettivamente su strada risulta essere di 164 Km/h ed il consumo di 7 litri/100 km (sempre secondo le norme CUNA). Nonostante questo ridimensionamenti la V7 desta un enorme impressione in un mercato come quello italiano dove non si era mai vista una moto così imponente.


 
free poker

Prossimi Incontri

Nessun evento
english

ATTENTION!! The translation is done from a tool, it could not be corrected.

FB

Ultime dal Forum Generale

Ultime dal Forum Tecnica

Ultime dal Forum Incontri

Copyright © 2011 motoguzzi-v7club.it. All rights reserved.